Lo studio dell’Acido Ascorbico ha preso gran parte dei miei anni di ricerche. Sono sempre rimasto affascinato da questa molecola, dalle sue interazioni con la nostra fisiologia e dalla storia che possiede.

Ho dedicato tempo a studiare le tesi di chi la sostiene e di chi la affossa. Sono stato da entrambe le parti e ho fatto tutti i tipi di prove personalmente nella pratica.

Questo articolo rappresenta la mia sintesi di quello che ho imparato che riguarda questo elemento.

Dunque l’articolo va ben oltre dei semplici consigli pratici. Ho scelto di far conoscere anche la sua storia e i processi conflittuali attraverso cui è passata questa sostanza per renderle l’onore che possiede e che non tutti conoscono.

Nella Seconda Parte tratterò delle domande e i dubbi più comuni. Nella Terza Parte del suo utilizzo nella pratica.

Buona lettura.
 

PRIMA PARTE: IL SUO INIZIO E LE REAZIONI DELLA MEDICINA TRADIZIONALE

Probabilmente uno dei discorsi più controversi in medicina è proprio il tema ‘Vitamina C’.

Come sempre nell’ambito della nutrizione ci furono dispute e pareri contrari tra i vari esponenti fin dal principio.

Da un lato ci sono sempre i medici che si affidano ciecamente alla farmaceutica, vedendo il corpo solo come un insieme di sostanze chimiche; dall’altro coloro che si chiedono se prima di arrivare a una pillola, madre natura non abbia già pensato a una soluzione.

La vitamina C non fa eccezione.

Esiste ancora molta disinformazione sull’argomento e le persone vengono condizionate fortemente in un senso o nell’altro. In particolare viene sparsa nella collettività una paura verso le dosi maggiorate di vitamine, sotto il termine misterioso di ‘Ipervitaminosi’. L’importante, si dice, è non superare eccessivamente le famigerate RDA (le dosi giornaliere raccomandate).

Noto spesso che nelle persone meno esperte di questi temi persiste l’idea che assumere l’Acido Ascorbico (il nome chimico della Vitamina C) equivalga a stare dalla parte dei farmaceuti e delle medicine.

Niente di più confuso:

L’acido ascorbico, in quanto Micronutriente,
È un Alimento, NON È una medicina


Questo è importante che ci rimanga chiaro fin da subito.
In realtà, in principio questa confusione serviva fondamentalmente a non creare cali di profitto alle case farmaceutiche, visto che il costo della vitamina C è irrisorio e agisce su praticamente tutte le patologie. Le prime testimonianze si ebbero proprio quando si scoprì la Vitamina stessa, nel 1937 per opera di Szent-Györgyi, che la isolò per primo.

 

CHIARIMENTO PRELIMINARE SULLE RDA

Visto che parte tutto proprio dalle RDA, le dosi giornaliere raccomandate di vitamine e minerali, esaminiamole un attimo da vicino per chiarirci le idee brevemente:

1) Le RDA dovrebbero stabilire le quantità di Micronutrienti (vitamine e minerali) per stare bene.

2) Le RDA furono sancite in seguito alla seconda guerra mondiale, in uno periodo di caos totale e benessere bassissimo. Quelle dosi furono stabilite come dose MINIMA di vitamine e minerali per rimanere vivi ed evitare lo scorbuto.

3) Le RDA possono variare nel tempo e di fatto sono state ritoccate e cambiate molte volte. Ed ogni volta sono state stabilite definendole definitive (tipico approccio della medicina tradizionale).

4) Attualmente, per quanto riguarda la vitamina C, se ne consiglia da 60 a 240 Milligrammi al giorno. La dose base di 60 mg in particolare fu sancita come la dose minima per non morire di scorbuto. Non per eseguire al meglio tutte le funzioni biochimiche.

Quindi quando parliamo di dosi raccomandate, dobbiamo innanzitutto capire che:

Le RDA sono le dosi MINIME sancite per la SOPRAVVIVENZA dell’organismo.

Non sono le dosi per il BENESSERE dell’organismo


Capito bene questo, ognuno di noi puà scegliere se prestare più o meno attenzione alle vitamine. Sopravvivere si può sopravviere anche con un arancia ogni tanto. Per stare bene, prevenire e curare patologie, forse si sceglieranno dosaggi diversi.
 

​LA NASCITA DI UN NUOVO PENSIERO​

Negli anni 60/70 una nuova classe di medici si opponeva al vecchio pensiero.

Essi sostenevano che dalle ricerche era chiaro che le vitamine portavano prove inconfutabili di miglioramento nella guarigione di quasi tutte le patologie e nella prevenzione in generale.

Il primo probabilmente fu il dott. Fredrick Klennereche, che nel 1940 sperimentò l’uso di alte dosi di vitamina C per curare diverse malattie, tra cui la poliomelite (che in quegli anni uccideva in tutto il mondo a un’incidenza altissima, al pari del nostro cancro odierno).

I suoi risultati positivi furono completamente ignorati dalla comunità scientifica.

Una voce fondamentale di questa nuova classe medica fu quella del dott. Linus Pauling che fondò successivamente anche il ramo della Medicina Ortomelocolare (detta anche Micronutrizione).

Le nuove scoperte degli effetti della vitamina C di Linus Pauling rivoluzionarono completamente la mentalità medica.
Fu come un tornado che spazzò via il vecchio.

 

LINUS PAULING

linus_pauling

​Linus Pauling fu uno dei primi scienziati e dottori a sostenere l’Acido Ascorbico per la guarigione e la prevenzione.
Dedicò la vita a studiare gli effetti di alti dosaggi di C sui pazienti.

Per le sue scoperte sulla vitamina C Linus Pauling vinse 2 Premi Nobel. Nel1954 per la Chimica e nel 1962 per la Pace. L’unico uomo della storia a vincere 2 Nobel non condivisi con altri.

Fa anche parte della lista dei 20 scienziati più importanti di tutti i tempi della rivista New Scientist.

Creò appunto il ramo della medicina Ortomolecolare che fonda le sue basi su l’importanza dei micronutrienti per il benessere e un tipo di alimentazione prevalentemente alcalina.

Fu uno degli uomini più rivoluzionari e coraggiosi della sua epoca, anche se poco noto a gran parte della massa.

Dunque, senza necessariamente accettare ad occhi chiusi i precetti ortomolecolari, possiamo andare a vedere cosa dimostrarono quelle scoperte.

E che pensieri possiamo formulare con l’esperienza che abbiamo oggi.

 

LE PRIME SCOPERTE SULLA C

Negli esperimenti sui suoi pazienti, Pauling determinò che la vitamina C in particolare era ‘il micro-nutriente più importante per la salute’.
Nel suo libro più noto, “Come vivere più a lungo e sentirsi meglio” (ed. Frassinelli, 1989), egli stesso scrive:

“La vitamina C – Acido Ascorbico, Sodio Ascorbato o Calcio Ascorbato (NDR altri Sali composti della vit C) – è coinvolta in un gran numero di reazioni biochimiche nel corpo umano. Due tra i più grandi pregi sono il potenziamento del Sistema Immunitario e la Sintesi del Collagene, una sostanza molto importante che tiene unito il corpo umano. Il collagene rinforza i vasi sanguigni, la pelle, i muscoli e le ossa. L’uomo non può creare Collagene senza la vitamina C.

Quello che mi impressionò venti anni fa fu quando Irwine Stone (NDR altro grande scienziato dell’epoca che dedicò la vita allo studio della vitamina C) indicò che la maggior parte degli animali, escluso l’uomo e le scimmie, producevano vitamina C. Non fanno affidamento al cibo o alle pasticche di vitamine, gli animali in genere producono vitamina C nel fegato, proporzionata al loro peso corporeo. Per un uomo adulto le proporzioni dovrebbero essere una media di 10-12 g. (12.000 mg.) al giorno”.

Inoltre giunto a queste conclusioni constatò una scoperta tanto semplice quanto sconvolgente:

nessun animale muore di infarto, tranne le scimmie e l’uomo

Da qui nacque la comprensione completa che l’uomo deve necessariamente assumere Acido Ascorbico dall’alimentazione, dal momento che non può produrla.
 

BENEFICI EFFETTIVI SUL CORPO

Abbiamo detto che la Vitamina C è necessaria per la Sintesi del Collagene. Ma cos’è esattamente il Collagene?

Leggendo ancora le parole di Pauling :

“La molecola del collagene è più forte di un filo di acciaio dello stesso peso. È una delle proteine più abbondantemente presenti nel corpo che va a costituire il tessuto connettivo, vale a dire la materia plastica naturale di cui esso è ampiamente composto”

Per sintetizzare i punti principali sul Collagene possiamo dire che:

1. Il collagene equivale al 33% del peso corporeo.

2. Nei vertebrati, compone più del 50% di tutte le Proteine nell’organismo.

3. Esso compone in particolare arterie e vene, tendini e le articolazioni, oltre a ossa e pelle. È letteralmente ovunque.

4. Nella pratica una MANCANZA di Collagene in questi distretti rappresenta:

                 – nelle Ossa ➜ Osteoporosi
                 – nelle Articolazioni  Artriti, Artrosi
                – nei Vasi sanguigni  Ipertensione, Arteriosclerosi, Infarto, Ictus
                – nella Pelle  Rughe e decadimento (perdita di elasticità)

E molto altro.

Il Collagene in pratica stabilisce la base per il benessere fisico e mentale, oltre l’agilità e l’elasticità e l’assenza o superamento degli ‘acciacchi’ in generale.
I classici acciacchi che vengono con l’età infatti non sono altro che la degradazione tessutale (causata in genere dai radicali liberi e peggioramenti ormonali) derivante da una sempre minore quantità di collagene a disposizione.

L’altro punto fondamentale degli studi di Pauling è l’abbassamento del Sistema Immunitario.

Un Sistema Immunitario basso significa aprire la porta a tutte le patologie portate dai virus, batteri o croniche (definite per incomprensione della causa, autoimmuni o degenerative. Vedi IPOASCORBEMIA, più in basso nella Seconda Parte ). Oltre che naturalmente ai pericolosi funghi.

Ora si capisce facilmente perché prima abbiamo detto che interviene in quasi tutte le malattie. Dal momento che quasi tutte le malattie hanno come origine questi agenti.

Detto questo, aggiungeva Pauling, bisogna notare come tutti gli altri animali non possiedono queste malattie. E il caso vuole che tutti gli altri animali producono di media 10 grammi di acido ascorbico al giorno (per 70kg di peso) e che quest’ultimo aumenta in caso di infezioni o ferite.

Guardiamo cosa dice anche il dott Irwin Stone nel suo libro libro “50 Anni di Ricerche sull’ACIDO ASCORBICO”:

”Vorrei mostrarvi a questo punto un campione di 3 provette. La prima contiene la quantità di ACIDO ASCORBICO che un essere umano di 70 kg produce giornalmente nel suo fegato.
Questa provetta è vuota.

La seconda è piena per più della metà di ACIDO ASCORBICO, ovvero contiene 13.000 milligrammi (13 grammi) che una capra di 70 kg, in condizioni normali, produce giornalmente nel suo fegato. In condizioni di STRESS la provetta non sarebbe abbastanza capiente da contenere tutto l’ACIDO ASCORBICO prodotto.

La terza piccola provetta contiene l’attuale RDA (Ragione Raccomandata) di ACIDO ASCORBICO, 60 milligrammi appena sufficienti per coprire la base della provetta. Questa è l’assunzione giornaliera per adulti umani del peso di 70 kg. raccomandato dai nutrizionisti, dai fisici del Consiglio per l’Alimentazione e la Nutrizione dell’Accademia Nazionale delle Scienze di Washington.

La mia dose giornaliera raccomandata di ACIDO ASCORBICO si avvicinerebbe molto a quella SINTETIZZATA quotidianamente dai mammiferi con il gene il GLO intatto (Ndr il Glo è l’enzima che produce acido ascorbico negli altri animali, come vedremo meglio nella seconda parte).

In condizioni di STRESS le dosi devono essere incrementate a l’aumento della dose può essere stabilito dal test di Intolleranza Intestinale del dottor Robert Cathcart.

Ho preso per molti anni circa 20 grammi di ACIDO ASCORBICO giornalmente, oltre trecento volte l’attuale RDA, godendo SEMPRE di ottima salute per TUTTO il periodo.”

E non solo.

Ultimo ma non ultimo tra i benefici, la Vitamina C è naturalmente anche il primo di tutti gli Antiossidanti. Il più potente in effetti. Infatti è il primo elemento in grado di bloccare il rilascio a catena di atomi di idrogeno, per non parlare delle infinite reazioni biochimiche in cui interviene.
Per ricapitolare sinteticamente, gli Anti-Ossidanti sono quelle molecole che bloccano i Radicali Liberi, che sono a loro volta molecole che ‘ossidano’ le cellule. Le cellule si ammalano, invecchiano e muoiono proprio a causa dell’ossidazione. Assumere con l’alimentazione una corretta quantità di Antiossidanti è da sempre di vitale importanza.
 

SECONDA PARTE: DOMANDE E DUBBI

vitamina_c

Dopo aver acquisito queste nozioni è normale avere dubbi. Insomma una sostanza che sembra curare tutto, un elisir della salute e della giovinezza, perchè non si conosceva prima? O meglio perchè non si sponsorizza di più che “la semplice Vitamina C è così potente!”?

Queste sono domande intelligenti che tutti prima o poi si pongono se vogliono approfondire il tema seriamente.
 

– SE CI SERVE COME A TUTTI GLI ALTRI ANIMALI, PERCHE’ ABBIAMO SMESSO DI PRODURLA?

Ovvero, l’importanza dell’enzima L-Gulonolattone

A mio parere, forse la domanda più interessante. Pare che lungo l’albero genealogico umano di milioni di anni fa, alcuni esemplari smisero di produrre vitamina C semplicemente perché mangiavano frutta in grandissime quantità in quanto Frugivori.

L’era glaciale sancì l’arrivo del cibo cotto e il passaggio a una dieta abbondantemente carnivora,

perdendo in tal modo l’introito di questa vitamina.

Da allora, quindi, l’uomo vive in una sorta di carenza cronica. Che nella pratica si traduce in un Sistema Immunitario inferiore e l’incapacità di riprodurre Collagene al ritmo necessario.

Il dott. Irwin Stone diede un nome a questa condizione chiamandola IPOASCORBEMIA, la malattia invisibile.

Per saperne di più su questo tema particolare, suggerisco la lettura de LA MALATTIA GENETICA, L’IPOASCORBEMIA, di Irwin Stone

Scaricabile anche gratuitamente qui in PDF –>

Qui di seguito alcuni passi per chiarire maggiormente le idee su questo punto:

‘Attualmente L-gulonolattone ossidase, un enzima del fegato, non è ampiamente conosciuto, nonostante sia coinvolto in quella che può essere definita la più grande catastrofe fisiologica e biochimica mai accaduta all’Uomo nel corso della sua Evoluzione.

L’ L-gulonolattone ossidase è
l’ultimo di una serie di enzimi utilizzati dal fegato dei mammiferi per sintetizzare l’acido ascorbico dal glucosio. La biosintesi di acido ascorbico è un processo base vitale, che si verifica in quasi tutti gli esseri viventi siano essi animali o vegetali.

Nel corso dell’evoluzione un Primato, antenato dell’Uomo, ha subito una mutazione letale del gene, che regola la produzione enzimatica delle proteine (Gluecksohn-Waelsch, 1963), eliminando la sua capacità di produrre un enzima attivo.

A causa di questa mutazione l’animale e tutta la sua progenie, caratterizzati dal gene difettoso, non furono più in grado di sintetizzare acido ascorbico e per riuscire a sopravvivere iniziarono a dipendere totalmente da generose fonti esterne di tale sostanza.”

 
E ancora:

”Mammiferi con gene intatto del GLO posseggono anche un meccanismo biochimico ereditario di feedback, che aumenta la sintesi di ACIDO ASCORBICO da parte del fegato in risposta alle varie tipologie di stress. Questo meccanismo di feedback fu un importante fattore nell’assicurare ai mammiferi la sopravvivenza e la dominazione sulla terra negli ultimi 165 milioni di anni di “EVOLUZIONE”.

Alcuni miei recenti studi indicano come alcuni grandi gruppi di mammiferi “SI ESTINSERO” durante questo periodo, in quanto incapaci di produrre una dose giornaliera sufficiente di “ACIDO ASCORBICO” che avrebbe garantito loro la sopravvivenza.

L’Homo Sapiens ha pagato un forte tributo in termini di decessi, malattie e debolezze durante gli ultimi milioni di anni di “EVOLUZIONE”, cercando di sopravvivere senza i benefici derivanti dal gene del GLO.

Considero l'”Homo” come mammifero più a rischio, prevedendo la sua estinzione nel ventunesimo secolo a causa dell’inquinamento da sovrappopolazione, a meno che non decida di prendere in mano il proprio destino evolutivo e si trasformi nelle robusta sottospecie, l’Homo Sapiens Ascorbicus.”
 

 

​L’uomo ha perso la capacità di produrre acido ascorbico come tutti gli altri animali, in proporzioni di 10g per 70 kg.
 

– PERCHE’ INTEGRARE LA VITAMINA C QUANDO POSSO ASSUMERLA DAL CIBO?

Assumere le Vitamine e i Minerali dal cibo è sempre la scelta migliore. Esse infatti si trovano in natura, legate tra loro in maniera sinergica. Questo permette loro di potenziare i loro effetti benefici.

Il vero problema per noi come razza è che il cibo che mangiamo non è più ricco di questi nutrienti.
La rivoluzione industriale ha avuto pesanti ripercussioni sulla qualità del cibo che mangiamo e col passare degli anni le cose sono andate solo peggiorando naturalmente.

Una arancia di oggi non è la stessa arancia di un secolo fa. Le vitamine di oggi, purtroppo, sono largamente inferiori a quelle di un tempo. E gra parte dei vegetali da supermercato non profumano nemmeno più all’olfatto, come facevano anche solo qualche decennio fa.

Ma Perchè:

– METODO DI ROTAZIONE DEI CAMPI: per favorire la mega-produzione non si rispettano più le rotazioni stagionali dei campi. Questo porta a terreni poveri di minerali e nutrienti. Di conseguenza i frutti che vi nasceranno ne saranno privi.

– I PESTICIDI utilizzati sui raccolti sono notoriamente tossici e rallentano le sintesi vitaminiche nel frutto appena nato.

– MANTENIMENTO DEGLI ALIMENTI RACCOLTI. Spesso un alimento viene surgelato e rivenduto mesi dopo il raccolto.
Nel arco di poche settimane tutte le vitamine sono già degradate e morte.

– L’ INQUINAMENTO dell’aria influisce pesantemente anche sui vegetali naturalmente. I metalli pesanti nell’aria hanno un effetto sulla qualità del frutto.

– GLI OGM, come ormai risaputo quasi da tutti, sono il grande problema del cibo dei giorni nostri. Le modifiche effettuate in laboratorio nel DNA dei vegetali sono pericolosi e incoscienti. In quanto non conosciamo le conseguenze a lungo termine.

La lista potrebbe proseguire, ma questi sono senz’altro i principali motivi per cui le quantità di vitamine sono più basse nei vegetali di oggi.

Inoltre è corretto aggiungere che col passare dei decenni il consumo di vegetali è andato progressivamente diminuendo, in particolare il consumo di Frutta, unica vera fonte di Vitamine (le verdure sono più ricche di minerali).

Con Frutta e Verdura Biologici le cose migliorano senz’altro. Ma non necessariamente si risolvono.

Innanzitutto il costo del biologico è per alcuni proibitivo.
Secondariamente non tutti gli alimenti biologici sono davvero di qualità superiore. Lo studio di questo mercato è da approfondire attentamente.

Inoltre è chiaro che per assumere comunque le quantità di Acido Ascorbico prodotte da qualsiasi altro animale nel fegato (10g per 70kg circa) dovremmo mangiare casse e casse di frutti ogni giorno. Il che risulta quasi impossibile per questioni pratiche.

È bene sottolineare però che mangiare Frutti (anche non-bio) in concomitanza con integrazioni vitaminiche ne potenzia gli effetti.

Mangiare Frutta resta sempre la priorità, da abbinare eventualmente a un’integrazione. Sottointeso che i Frutti più ricchi di Vitamina C sono tutti gli Agrumi, praticamente tutti i vegetali di colore Rosso (tipo pomodori e peperoni) e gran parte delle bacche e dei Frutti di Bosco.
 

– ​NON MI PIACE PRENDERE UN MEDICINALE TUTTI I GIORNI​

Questo è un bene! Perchè la Vitamina C NON è un medicinale.

Può essere venduto sotto forma di medicinale, ad esempio nelle pastiglie che contengono mille altri additivi, o nei multivitaminici che il più delle volte hanno vitamine sintetiche POCO biodisponibili.

Tuttavia l’Acido Ascorbico si può acquistare nella sua forma pura cristallina e questo ci consente di godere pienamente dei suoi vantaggi.

La sua formula chimica sintetica e quella naturale, sono uguali al 97%.

È possibile trovare anche la vitamina C da derivazione Organica, come l’estratto di ACEROLA o la ROSA CANINA. Hanno un percentuale di purezza inferiore ma sono naturali e sinergiche con le altre vitamine presenti.

Infatti, come detto, la vitamina naturale del frutto resta sempre la migliore.

Tuttavia non sono d’accordo col polverone nato in certi casi intorno alla vitamina C sintetica, da puristi e dagli igienisti-crudisti in generale. In quanto essa è biodisponibile per il nostro corpo e non comporta nessun effetto collaterale.
Prendere le versione in polvere pura cristallina risulta molto più comodo, oltre che facilmente quantificabile.
In ogni caso è bene capire che NON stiamo parlando di farmaci chimici. Anzi… del contrario.
 

– ED EFFETTI COLLATERALI?

La medicina tradizionale insiste nel parlare di Ipervitaminosi causata da altri dosaggi, ma in realtà non si trovano studi validi di nessun tipo a riguardo. La verità è che molti risultati diversi di laboratorio hanno rivelato che non ci sono proprio effetti collaterali con l’Acido Ascorbico.

Uno delle fobie più frequenti che circolano di tanto in tanto è quella dei calcoli renali. Su questo argomento lo stesso Pauling scrive:

“Nella letteratura medica non viene riferito neppure un caso di formazione di calcoli renali in seguito all’assunzione di forti dosi di vitamina C”.

Anzi, ci sono esperimenti sia nei casi di calcoli di urina alcalina, che nei calcoli di urina acida in cui la vitamina C ha regolarizzato il ph del sangue e agevolato il loro smaltimento.

Gli unici ‘effetti da un eccesso’ di C sono diarrea e flatulenza, ma non è il tipo di diarrea che porta via con se i sali minerali, debilitando il fisico. Comunque in tal caso è sufficiente diminuire le dosi e passa all’istante.
Inoltre nemmeno i casi esagerati di intossicazione di altre vitamine portano a patologie gravi. Al contrario di molti medicinali da banco che vengono venduti quotidianamente.

A questo proposito sempre Pauling scrive :

“Sono (…) specialmente gli analgesici e gli antipiretici, come l’aspirina, i responsabili della maggior parte delle 5000 morti per avvelenamento che avvengono ogni anno negli Stati Uniti. (…) Circa 400 (..) bambini muoiono ogni anno per avvelenamento da aspirina (acido acetilsalicilico) o da altri salicilati.”

Per quanto riguarda i minerali il discorso è diverso; con dosi di minerali molto superiori a quelle terapeutiche si possono avere serie intossicazioni. Comunque, presi alle dosi consigliate, non danno mai effetti nocivi.

 

– MA SE È COSI FANTASTICA, PERCHE’ NON LA USIAMO TUTTI?

Come detto in precedenza, la diffusione della Vitamina C incontra e probabilmente incontrerà sempre degli ostacoli.
Spesso perché prima che un verità possa essere accettata viene prima derisa e rifiutata.
Pauling vinse 2 nobel ma non fu mai visto di buon occhio dalla comunità scientifica. Le sue scoperte furono fastidiose. Oggigiorno le cose non sono cambiate di molto, tranne che sempre più persone possono accedere alle conoscenze non storpiate dai mass media e l’utilizzo di Acido Ascorbico sta crescendo notevolmente.

Inoltre da decenni in alcune cliniche americane si somministrano da 100 a 300 g. di ascorbato di sodio per via endovenosa a malati di cancro terminali, con buoni risultati e nessun effetto collaterale (Protocollo del dott. Robert F. Cathcart).

I risultati, di questi e altri protocolli di Sali Ascorbati via endovenosa, hanno dato fiducia anche alla classe medica al punto che sempre più medici (etici) la suggeriscono.

In ogni caso non penso nemmeno che tutti gli altri medici agiscano in malafede.
Dopotutto diversi dottori non conoscono nemmeno i risultati di questi esperimenti, semplicemente perché sui testi universitari non si affrontano.
È sorprendente scoprire quanto poco spazio venga dedicato alle Vitamine nelle carriere accademiche. Gli studi su di essere vengono affrontati solo da quei medici innovativi che scelgono la ricerca disinteressata.

 

PARTE TERZA: COME SI USA?

 

LA MEDICINA ORTOMOLECOLARE SULLE QUANTITA’

Prima abbiamo visto che, mediamente, un animale di 70kg produce 10 grammi di Acido Ascorbico.

Però le necessita’ specifiche dipendono da razza a razza e anche da individuo a individuo.

Dunque ognuno di noi può avere necessità diverse, anche perché le condizioni in cui ci si trova influiscono naturalmente (sei ammalato o sano? sei in un ambiente freddo o caldo? ecc ecc).

Il dottor Cathcart creò un metodo personalizzato empirico, definito a Tolleranza Intestinale.
Nel suo metodo si inizia con 3 grammi di acido ascorbico al giorno, aumentando ogni giorno di 1 grammo fino alla comparsa della diarrea e/o flatulenza. Arrivati a ciò è necessario diminuire di un paio di grammi (la comparsa di diarrea è il sintomo che avvisa che l’intestino non metabolizza più ulteriore vitamina C e quindi la espelle).

Nella maggioranza delle persone la quantità finale metabolizzabile è tra i 6 e 12 grammi al giorno. In casi di malattia essa si va a moltiplicare a seconda della patologia.

Per dare un riferimento, propongo qui sotto è la Tabella di Cathcart:

tabella Vitmaina C

Egli dichiarava anche che per utilizzare al meglio gli effetti della vitamina bisogna assumere quotidianamente dal 80 al 100% della propria Tolleranza Intestinale.

Senza entrare troppo nel dettaglio, queste sono a grandi linee le modalità che l’Ortomolecolare suggeriva in seguito alle scoperte di quegli anni.
 

I PRECETTI ORTOMOLECOLARI DI ALLORA CON L’ESPERIENZA DI OGGI

Sono passati più di 40 anni da quelle scoperte ed ancora oggi si scoprono continuamente nuovi benefici sull’assunzione di Vitamine ad alti dosaggi.

Gli atleti professionisti ormai assumono da tempo alti dosi di vitamine per migliorare la resistenza alla fatica e sempre più persone stanno imparando a conoscere sulla propria pelle i benefici dell’utilizzo di vitamine.

L’assunzione supplementare di vitamine rispetto alle RDA è senz’altro

un punto basilare per chi vuole stare sempre meglio.

La quantità ideale per se stessi è naturalmente il punto interrogativo per chi inizia. Io considero che l’equilibrio tra i due estremi sia sempre la cosa più efficace.

Tra le dosi inconsistenti delle RDA e le megadosi di 15/20gr al giorno dell’Ortomolecolare esiste una via di mezzo.

Nella mia esperienza personale ho provato tutti i tipi di dosaggi e ho tratto benefici diversi da ognuno di essi. Personalmente mi sono stabilito attorno ai 3 e 6 gr al giorno di vitamina C con effetti notevoli su miei vecchi problemi fisici (articolazioni, infiammazioni, pelle) derivati dai miei anni nello sport agonistico, oltre che benefici consistenti nella prevenzione (assenza di raffreddori, influenze, acciacchi articolari, ecc).

Per fare due semplici calcoli, la mia Tolleranza Intestinale è di circa 12 gr al giorno. Questo significa che attualmente assumo tra il 25 e 60 % della mia TI.
Nei rari casi di una prima comparsa di raffreddore ho raddoppiato/triplicato le dosi. Nell’arco di 1-3 giorni il sintomo è passato. Poi proseguo per alcuni altri giorni per assicurarmi di mantenere un Sistema Immunitario forte in caso di ricadute immediate.

Devo aggiungere che, al contrario della medicina ortomolecolare, la mia ideaa è di non usare costantemente l’Acido Ascorbico. Questo perché mi piace che le mie cellule se la ‘cavino anche da sole’ e questo mi permette di non creare una dipendenza fisiologica da una determinato alimento.

Infatti il corpo ha la tendenza ad abituarsi agli alimenti che mangia costantemente (e come abbiamo detto all’inizio, visto che l’AA è un micronutriente, stiamo parlando di un alimento).
Anche se per essere precisi, fisiologicamente parlando non si tratta proprio di dipendenza, bensì di un ‘effetto rebound’.

Quindi proprio come in nutrizione, anche in questo ambito di ‘integrazione’ è bene variare.

Personalmente, ho trovato un’ ottima routine in 2 o 3 settimane di assunzione e 1 settimana di stop.

Queste sono le mie esperienze, basate sul mio corpo individuale. Dunque NON sono prescrizioni e le dose varieranno per ognuno di noi. È bene sperimentare e scoprire le dosi più adatte per sè.

Quello che possiamo dire con sicurezza è che da 2 a 3 grammi al giorno l’Acido Ascorbico porta benefici a tutti ed è un ottimo punto da cui iniziare​

La modalità d’assunzione della vitamina C è particolare. Bisogna sapere che ogni 3-4 ore il corpo umano espelle attraverso le urine tutta la vitamina C assunta. Indipendentemente dalle quantità che abbiamo assunto (infatti un’ ottima pratica per chi ha malattie alla vescica quali infiammazioni, cistiti e altre anche più gravi, è trattenere per un po’ l’urina, per permettere all’AA di agire su di essa).

Questo significa che per mantenere alto il suo livello antiossidante e ottimizzarne i benefici, va assunta ogni 3-4 ore (Ciò è particolarmente importante  con malattie in corso).

A mio avviso,

per pura comodità, un individuo sano può scegliere di assumere l’Acido Ascorbico 3 volte al giorno,

durante i pasti, da 1 a 2 grammi ogni volta.

Questo è la modalità più comoda e ottimale che ho riscontrato nelle mie esperienze e nelle esperienze di altri colleghi.

Ciò che conta è non assumere tutta la vitamina C giornaliera in una volta sola.

Questo porterebbe alla sua espulsione attraverso urina e intestino, con feci molli appunto.

Ciò che conta fondamentalmente è non acquistare l’acido ascorbico che si trova in pastiglie mescolato ad altri agenti chimici. Bensì scegliere quello puro e cristallino, in genere venduto come conservante alimentare.

Non avrai bisogno di nessuna ricetta ed è molto economico (sui 15-20 euro per 500gr).
E’ bene sapere che la maggioranza delle farmacie non lo possiede in questo formato puro, e che spesso bisogna rivolgersi a farmacie galeniche, ovvero quelle con il laboratorio, oppure alle erboristerie.

Comprarla in piccoli formati è naturalmente molto meno conveniente.

Per pesare nel modo più comodo e preciso l’acido ascorbico è sufficiente una bilancia elettrica (che natuaralmente pesi al grammo). Ciò che conta maggiormente è utilizzare sempre un cucchiaino di plastica o legno per maneggiare l’Acido Ascorbico e scoglierlo in acqua.
MAI il cucchino classico in metallo, in quanto ossiderebbe gran parte della vitamina annullando il suo effetto Antiossidante per il nostro organismo.

Queste sono le modalità corrette per sfruttare i benefici dell’AA.
 

PENSIERI CONCLUSIVI

Per concludere, al di là di ciò che ci viene detto o che possiamo leggere in giro con opinioni contrastanti, era bene conoscere tutte le funzioni di questa sostanza e le prove basilari della sua efficacia compiute in questi decenni.
Senza ombra di dubbio la più importante delle vitamine nel quadro della nostra salute.
L’integrazione, in certi casi, può essere una parte fondamentale del cibo che mangiamo tutti i giorni. Ciò che conta è, come sempre, sperimentare nella pratica e fare le proprie valutazioni personali.

di DAVE GAMBA
 

RISORSE AGGIUNTIVE PER APPROFONDIRE

– Ottimo e completo Articolo Patrick Holford sulle cure attuali del cancro con vit C intravenosa e gli effetti dell’acido ascrobico in generale in diversi tipi di pazienti.

– Conferenza tenuta dal professor Valsè- Pantellini prima di morire sulle sue famose scoperte sull’Ascorbato di potassio (un sale dell’acido ascorbico).
Ammirato e onorato per il suo contributo all’umanità, le sue scoperte furono quasi totalmente ignorate dal resto della comunità scientifica (curava senza i protocolli classici e senza medicinali).

La sua Fondazione tutt’oggi aiuta centinaia di persone a guarire dalle malattie definite incurabili dalla scienza tradizionale.
In questo video c’è un suo discorso dove spiega solo buona parte dei benefici dell’ascorbico. Informazioni che tutti dovrebbero con

La Fondazione Valsè-Pantellini
http://www.pantellini.org/

Primo Consulto gratuito







FacebookInstagramYoutubePassaparolaGoogle


la tua privacy è importante per noi, nessuno dei tuoi dati verrà condiviso con terze parti

GLI ULTIMI ARTICOLI

Soia

Soia: Tutto Quello Che Devi Sapere

Alimentazione: Andiamo alla scoperta dei Pro e dei Contro della Soia e derivati. Tutto quello che devi sapere sulla soia.

Leggi di più

SPALLE E DELTOIDI: ESERCIZI DA FARE A CASA

Benvenuti alla mini guida di Esercizi per le Spalle. Le Spalle sono un muscolo molto particolare da allenare. Non è semplice, soprattutto a corpo libero.

Leggi di più
Pettorali - Esercizi Senza Attrezzi

Esercizi Pettorali A Casa Senza Attrezzi

Ecco la mini-guida di Esercizi per i Pettorali senza attrezzi. I Esercizi migliori sia per rinforzare il muscolo che per salvaguardare le articolazioni.

Leggi di più

Elastici Fitness: 7 Benefici ed Esercizi

Utilizziamo gli elastici (o Fasce di Resistenza). 7 Benefici degli elastici ed Esercizi per costruire la Muscolatura evitando infortuni.

Leggi di più

COSA SUCCEDE AL CORPO QUANDO SMETTI DI ALLENARTI

Ormai tutte le prove dimostrano che gli effetti dell'allenamento sul cervello ti aiutano a...
Leggi di più

Dismorfismo Corporeo: L’immagine allo specchio distorta

Chi poteva immaginare che il Dismorfismo corporeo potesse nascere anche dalle favole della...
Leggi di più

PANCAKE PROTEICO LOW FAT

  Dopo la Ricetta dei Pancake Proteico Low Carb, ecco finalmente la ricetta del Pancake...
Leggi di più

CICLO MESTRUALE E FAME NERVOSA? ECCO COSA FARE

Vi è mai capitato di avvertire un’irrefrenabile voglia di cibi dolci durante il periodo precedente...
Leggi di più

SGARRO ALLA DIETA: LA GUIDA COMPLETA

Tutto quello che devi sapere per costruire il tuo Sgarro

Leggi di più

I 3 MIGLIORI ESERCIZI PER L’ADDOME E LA PANCIA PIATTA

Dopo aver visto nei precedenti articoli i 3 migliori Esercizi (senza attrezzi) per Gambe &...
Leggi di più

I FAMOSI

CICLO MESTRUALE E FAME NERVOSA? ECCO COSA FARE

Vi è mai capitato di avvertire un’irrefrenabile voglia di cibi dolci durante il periodo precedente...
Leggi di più

GLUTINE: I PROBLEMI OLTRE LA CELIACHIA

Nota prima di cominciare Questo articolo non vuole demonizzare nessun alimento. Bensì mettere in...
Leggi di più

IL LATTE COMMERCIALE FA BENE?: COSA BISOGNA SAPERE

Nota prima di cominciare Questo articolo non vuole demonizzare nessun alimento. Bensì mettere in...
Leggi di più

CEREALI & FARINA FANNO SEMPRE BENE?

Nota prima di cominciare Questo articolo non vuole demonizzare nessun alimento. Bensì mettere in...
Leggi di più

I 5 INTEGRATORI PRINCIPALI CHE USO

In questa sezione voglio dare solo una breve panoramica degli integratori che hanno funzionato...
Leggi di più

MALATTIE AUTOIMMUNI: CAUSE E NUOVI APPROCCI

Sono stato a lungo indeciso se scrivere un articolo intero su questo argomento o meno. La bozza di...
Leggi di più

IL MITO DEL COLESTEROLO ALTO

di Dave Gamba, personal trainer e Giorgia Visentini, biologa nutrizionista   Questo articolo...
Leggi di più

RIPETUTE: I BENEFICI DEGLI SCATTI

Visto che ho ricevuto innumerevoli risposte ai miei 2 post precedenti (Allenamento Aerobico per...
Leggi di più

ALLENAMENTO AEROBICO PER DIMAGRIRE

Scrivo questo breve articolo solo per dare la mia risposta a una delle domande più frequenti nel...
Leggi di più

TUTTO QUELLO CHE NON TI HANNO DETTO SUI GRASSI

Se fino ad oggi hai pensato che mangiare Grassi ti ingrassasse e fossero un nemico da evitare,...
Leggi di più

VITAMINA C alias ACIDO ASCORBICO: TUTTO CIO’ CHE DEVI SAPERE

Lo studio dell'Acido Ascorbico ha preso gran parte dei miei anni di ricerche. Sono sempre rimasto...
Leggi di più

IL PASTO IDEALE: IL CUORE DELLA NUTRIZIONE

Puoi considerare questo articolo un sintetico promemoria di tutte le cose essenziali per...
Leggi di più

Pin It on Pinterest

Shares
Share This