TU, SENZA LIMITI

di Stefano Mini Te lo dice un ex grasso: con un minimo di buona volontà ingrassare è impossibile. Costituzione forte? Lavoro sedentario? Nonne che fanno dolci supremi? Complotti dell’industria alimentare? Balle. Solo la tua mente conta.

 

Hai la giusta mentalità? Sarai magro e in forma, il resto è un dettaglio.

Il difetto del corpo, in epoca moderna, è che si è evoluto per non morire di fame. L’abbondanza di cibo è cosa recente, i meccanismi del corpo non ne sono abituati.   Vedi una torta o un panino del McDonald’s, l’inconscio ti porta a magiare. Più è calorico, più ti piace: è la strada che usa la mente per non farti morire di fame.   Il pregio del corpo è che non devi seguire un regime alimentare perfetto per essere in forma. Il corpo sa adattarsi meglio di quanto credi.

 

Io me ne sono accorto quando ho perso 25 kg in 6 mesi con una dieta creata da me: non era perfetta, ho commesso errori, ma sono dimagrito e sono rimasto in forma. Detto questo, ci sono tre trucchi che voglio condividere con te per farti restare in forma in modo alternativo.   Le solite cose le sappiamo tutti: mangia verdura, fai esercizio, non essere sedentario, evita il fast food. Recentemente sono venute fuori tante teorie alternative, ma nessuno ti ha mai detto che per dimagrire e restare magro devi…

 

1 – DORMIRE

Il sonno è uno degli aspetti fondamentali della tua vita. Se vuoi fare qualsiasi cosa, devi dormire bene. Ma così come il sonno è importante, è anche bistrattato. Non solo da te, che non ti rendi conto di quanto sia fondamentale per il benessere, ma anche dal tuo corpo.

 

Bistrattato perché non esistono campanelli d’allarme come per la fame, il freddo o il dolore. Se hai un problema di sonno non te ne accorgi, continui a vivere la tua vita credendo che tutto vada bene. In realtà le tue capacità celebrali possono calare del 20-50% secondo uno studio della Nasa. Se sei un atleta, l’università di Stanford ti dice che dormire di più migliorerà sensibilmente la tua prestazione.   Ma quello che ti interessa di più in questo momento è: se dormi di meno, mangi di più. Da una parte è vero che dormire abbatte il consumo calorico, dall’altra il sonno blocca l’appetito. Non solo quando dormi, ma anche quando sei sveglio.

 

Il corpo è regolato dagli ormoni, la maggior parte dei processi fisiologici sono coordinati da queste molecole. In questo gruppo troviamo anche la leptina e la grelina, due ormoni che regolano il tuo appetito. La grelina ti fa sentire fame, la leptina sazio. Il rapporto fra questi due ormoni ti dà il senso di fame o quello di pienezza, e puoi modificarli con due attività:

 

  1. Mangiare
  2. Dormire

 

Ora, non devo stare qui a dirti quale delle due comporta un’assunzione di calorie pari a zero. In altre parole, una sana dormita ti renderà sazio quanto una buona mangiata. Io l’ho sperimentato quando ho provato il sonno polifasico, una tecnica che ti permette di dormire due ore al giorno senza essere stanco. Approfondimento: Il Manuale del Riposo Perfetto

 

2 – CREDERCI

Io ho usato tutte le scuse menzionate a inizio articolo quando ero grasso. Ero anche sportivo, ma pesavo comunque più di 100 chili. A un certo punto mi sono accorto che erano tutte balle: stavo scappando dal dolore della dieta, non volevo accettare la consapevolezza che per vivere una vita migliore dovevo rinunciare a torte, merendine, grassi della peggior specie.   Poi ho deciso di rimettermi in forma. Ho iniziato a correre nei giorni in cui non facevo altri sport, ho eliminato i cibi ipercalorici e poco salutari, al loro posso ho iniziato ad assumere i soliti noti: frutta, verdura, legumi, carne magra. Ho iniziato così, senza visite dal dietologo, senza libri di alimentazione. Non c’è niente di mistico nel dimagrimento, basta mangiare meno e correre di più.

 

Non è una questione di abilità, ma di volontà.

 

Se vuoi dimagrire, dimagrirai. Non ne serve nemmeno molta, non è un sogno che solo poche persone al mondo riescono a raggiungere. Guardati intorno: quanti grassi vedi? In Italia non ce ne sono molti, perché il cibo è ancora salutare. Solo dopo essermi trasferito in Florida ho capito quanto sia avanti il cibo italiano, quanto sia più facile rimanere in forma nel Bel Paese.

 

In America c’è tutto, ma di roba salutare fai fatica a trovarne. Il fruttivendolo non esiste, le verdure sono quelle quattro in croce. Renditi conto che non solo sei sovrappeso anche se il tuo corpo fa di tutto per farti rimanere in forma, lo sei anche in un Paese con la qualità di cibo migliore al mondo.

 

Ti serve solo un minimo di forza di volontà, di carattere, di spirito. Se non hai sufficiente forza di volontà per curarti della tua salute, come puoi convincermi di averne abbastanza per fare qualsiasi altra cosa? Sono crudele, ma la penso così.   Non te lo dice uno che è nato magro, è sempre andato in palestra e non ha mai avuto problemi di peso. Te lo dice un ex grasso che ha scoperto di aver vissuto la prima parte della sua vita nel modo sbagliato. Approfondimento: 5 modi scientificamente provati per mantenere la motivazione

 

3 – USCIRE DI CASA

Dopo vari esperimenti ho deciso di andare a correre quando comincio ad avere fame. Perché? Perché se non esco, mangio. Quando sono casa sono distratto, a volte mi annoio, è lì che la fame colpisce: non so cosa fare, quindi mangio. Devo scegliere fra mangiare 150 calorie e bruciarne 600, la scelta è ovvia. Non solo.   Il corpo ha una spaventosa capacità di tagliare il consumo quando non ha bisogno di energia. Ma appena devi usare dei muscoli, le calorie bruciate esplodono. L’ho testato in modo empirico con il cardiofrequenzimetro: 50 battiti se sto sul divano, almeno 70 se sto camminando. Una corsa leggera mi porta a 130, le mie corse quotidiane hanno una media di 155-160. Non ti servono grandi sforzi atletici per dimagrire, basta un movimento costante. Ci sono tre ragioni per le quali devi uscire:

 

  1. Aumenti le calorie consumate durante il giorno.
  2. Sei lontano dal cibo, quindi anche se hai fame non puoi mangiare.
  3. Ti si blocca l’appetito.

 

Stare seduti aumenta l’appetito, per dimostrartelo ti faccio pensare all’esempio opposto: il grande rinfresco del matrimonio. Finché stai seduto puoi mangiare quello che vuoi, non ti senti sazio, le portate si susseguono con primi, secondi di carne, pesce, sorbetto, frutta, gelato, dolce. Ti senti pieno, ma ti senti ancora bene. Poi il dramma quando ti alzi: all’improvviso ti senti lo stomaco pesante, non riesci a muovere un passo. È il momento dei rimpianti, il momento in cui maledici quelle quattro fette di torta.   La ragione è che quando sei seduto i muscoli addominali supportano lo stomaco, quando ti alzi no. Più stai seduto, più senti fame. Soprattutto dopo uno spuntino leggero, stare in piedi permetterà allo stomaco di sprofondare in basso sotto il suo stesso peso. Ti sentirai sazio anche dopo uno snack da 100 calorie e non avrai più bisogno di mangiare per qualche ora. L’importante è restare in piedi, se ti siedi è finita.

 

CONCLUSIONE

Ti ripeto il concetto più importante dell’articolo: essere magro è facile. Dimagrire richiede della buona volontà, ma per restare nel peso ideale tutto quello che ti serve è un filo di amore per il tuo corpo e la tua salute. Io sto negli Stati Uniti, mangio fast food, un lavoro a tempo pieno ha ridotto il tempo per l’allenamento e la buona cucina, faccio feste con torte e birre a volontà.

 

Eppure da quando sono qui non ho preso un singolo chilo, anzi ho iniziato ad andare in palestra e mi sto costruendo un fisico degno di questo nome. Se tu sei il me di due anni fa, se ancora devi iniziare il tuo percorso verso il peso forma, voglio dirti una cosa: è più facile di quello che pensi.

 

Devi solo abituarti. L’abitudine è la chiave di tutto. Il cervello ci mette un mese per abituarsi a un cambiamento, dopo il quale non ti peserà più dover rinunciare ai dolci. Io adoro ancora le crostate, ma la mia vita è completa anche senza. Anzi, è meglio. Una volta sperimentati i benefici di una vita sana, ti chiederai come hai fatto a vivere fino a quel momento. Se vuoi scoprire di più sulle abitudini, vieni a leggere il mio articolo: 5 metodi per mantenere le buone abitudini.

 

Stefano Mini

www.mindcheats.net

Pin It on Pinterest

Shares
Share This