Dal mio Percorso Fisico…

Nato a Milano, Italia, il 23 novembre dell’84

Mi dedico allo sport fin dai primi passi. A qualsiasi sport. Li provo tutti, alcuni meglio alcuni peggio: calcio tennis basket skate volley videogiochi e minigolf etc etc

Il basket inspiegabilmente è quello che mi viene meglio.

Svolgo tutta la gavetta necessaria delle giovanili, arrivo in prima squadra, la chiamata da una squadra di alto rango è solo questione di tempo, e sta per succedere.

Ma mi faccio male.
Alla caviglia prima e alla schiena subito dopo.
Devo stare fermo a lungo.

Un anno passo e io sto ho perso un po di treni. Inizio a essere “vecchio” per il salto. Ho 22 anni.

Quando rientro ho bisogno di altrettanto tempo per riprendere le mie qualità fisiche di prima. Non va bene.

Capisco che salire di categoria è un capitolo chiuso, e quindi smetto di giocare completamente. Come sempre se non posso fare una cosa al massimo livello preferisco non farla.

Il periodo peggiore della mia vita.

Quello che vivo come il mio più grande fallimento (avevo dedicato circa 12 anni alla carriera, tutta la mia vita adolescenziale) diventa il mio più grande momento di crescita.

Ma non ancora.

Per un anno sto fermo e mangio e basta. 

Il peso sale e io non me ne accorgo (non mi interessa). Dopo un anno esatto i pantaloni che usavo sempre, non mi si chiudono più.

Salgo sulla bilancia. Sono circa +20kg. Peso quasi 100kg.

Prendo atto della situazione. Ma non ho idea di cosa fare.

Faccio cose a caso. Come tutti, mi iscrivo in palestra. 

Il mio corpo inizia a ricordarsi cose che faceva in quella che ormai era la carriera sportiva di una vita fa.

Non sono bravo ma mi viene facile. Spingo pesi e imparo esercizi sempre nuovi.

Miglioro.

Passa un altro anno. Ho perso tutti i kg in eccesso.

Non solo. Ho guadagnato qualche kg di muscoli.

Non solo. Sto cambiando testa.

Torna in me la determinazione di quando ero un’atleta professionista questa volta canalizzata in una nuova direzione.

Mi guardo in giro, l’istinto mi dice che posso fare questo di lavoro.

In fondo, sempre di sport si tratta.

Decido, diventerò un personal trainer. Mi iscrivo al corso della International Sportas Science Association (ISSA), e dopo un altro anno sono ufficialmente personal trainer. Posso lavorare.

Faccio la gavetta nelle palestre più piccole, poi piuttosto velocemente passo alle palestre più importanti.

Studio, mi aggiorno, voglio sapere e inglobare tutto. Lo faccio.

Il lavoro cresce anche fuori dalle palestre con clienti privati, e inizio ad essere apprezzato nel mio ambiente.

Quando sono probabilmente al mio apice, decido di mollare tutto e andare a vivere all’estero.

 

“I maestri da cui apprendere oggi possono apparire online nel momento del bisogno, come i jedi a Luke Skywalker […] e come Dave Gamba, uno tra i primissimi personal trainer virtuali in Italia.”

Corriere della Sera

… al mio Percorso Lavorativo

Intervistato sul Corriere della Sera

Il mio intervento alla conferenza Marketers World

Intervistato da Dalani

La mia Intervista per Talent Bay (clicca sul tasto play per sentirla)

La mia Intervista per Andrea Ciraolo (clicca sul tasto play per sentirla)

Apparso sulla copertina dell’inserto del Corriere della Sera

Il mezzo milione di views superate su Youtube per il mio video circuito Tabata

Fondo la linea di integratori Naturali Wildfitters

Mollo tutto e mi trasferisco a vivere alle Canarie solo perché “lì c’è sempre il sole”.

Quello che di solito tutti dicono, io decido di farlo.
Come sempre troppo velocemente.

Penso di andare lì e fare il personal trainer. Con l’esperienza maturata a Milano ritengo di avere un ottimo curriculum per le isole Canarie.

Invece NON trovo lavoro da nessuna parte.
Per il semplice motivo che il ruolo del personal trainer ancora non esiste lì, e i pochi che l fanno lo fanno nella propria palestra.

Sono spiazzato e naturalmente non so cosa fare. Nel frattempo i soldi risparmiati si consumano.

Dopo qualche mese devo prendere un decisione: tornare i Italia o inventarmi qualcosa li. Le penso tutte.

Nel frattempo mi metto a scrivere qualcosa senza nessuna velleità. Volevo solo mettere i ordine tutte le idee che avevo studiato e messo insieme nella mia testa.

Scelgo un blog a caso di quelli gratuiti.
Scrivo li, più come promemoria personale per tenere tutto in ordine.
Non credo proprio che nessuno mi leggera nell’oceano di internet. La rete è piena di roba fitness, e in più io non me ne intendo proprio di informatica.

Poi un giorno incredibilmente, una persona mi manda una mail dopo aver letto un mio articolo.

Alcuni dopo un’altra. Poi un’altra ancora. Tutti i giorni iniziano ad arrivarmi.
E io rispondo a tutti, aiutandoli nei loro dubbi.

Dopo un paio di mesi coì la mia ragazza di allora mi dice “Se devi stare al computer tutto il giorno tanto vale che ti fai pagare”.
Mi metto a ridere. Ma ora ho la pulce nell’orecchio.

Mi metto a cercare e vedo che in america il personal trainer online esistono da anni. studio tutto quello che fanno.
Medito a lungo sul da farsi.
E mi metto al lavoro.

Dopo poco tempo esco con i miei primi Servizi per seguire le persone a distanza online nel loro percorso fisico. E arrivano i primi Clienti.

Da allora non mi sono più fermato. E ho seguito più di 1000 clienti in questi anni di attività.
Un risultato che solo pensarlo mi mette i brividi ancora oggi.

Sono diventato il primo Personal Trainer Online e poco a poco ne sono nati decine di altri. E poi altri, e altri ancora.
Oggi tutti provano a essere coach online in un mercato (purtroppo) è saturato di tanti personaggi  poco competenti (oltre naturalmente anche a diversi professionisti validi).

Con la crescita di questo fenomeno ho avuto l’onore di essere stato intervistato da numerose riviste, blog e podcast.

Sono stato chiamato a tenere conferenze marketing, fitness,  lezioni per l’università Bocconi e qualcuno ha persino scritto una Tesi Universitaria su di me.

(lo so, è incredibile anche solo scriverlo)

Comunque la verità è che per me non è cambiato niente. Sono sempre quel ragazzo con un zaino in spalla, che gira per posti nuovi e la voglia di raggiungere il prossimo obiettivo.

Ho costruito questo da zero e la gratitudine e l’amore che ho ricevuto indietro dalle persone è valso ogni sforzo.

Le cose poi naturalmente si sono evolute.

Oggi ho un team di fantastici collaboratori.

Ho fondato col mio socio una linea di Integratori Naturali eccezionale.

E cerco sempre di dimostrare con il mio corpo e la mia divulgazione, a cosa si può ambire fisicamente in modo naturale.

Imparare l’equilibrio tra vivere al massimo e godere del piacere di sentirsi in piena salute nel Corpo che si desidera. Senza stress.

Ho fondato anche WildFitters, il movimento fitness di  persone che si allenamento col sistema più breve e intenso.

Insomma di cose ne sono successe, e ne succederanno tante altre.

Nel frattempo io posso solo ringraziarvi tutti.

Un abbraccio,

 

Dave.

 

MI SEGUI GIA' SU INSTAGRAM?

Qui puoi connetterti con me per seguirmi nelle mie giornate, tra allenamenti, pasti, tips, e pazzie in giro per il mondo, tramite le mie Stories: @dave.gamba

IL FITNESS E’ UN GIOCO SEMPLICE

RICHIEDE SOLO DI ESSERE GIOCATO OGNI GIORNO

Pin It on Pinterest

Shares
Share This